Lezione-i Breakouts

415

Introduzione

Uno dei metodi più elementari e comuni del trading è operare quando un breakout è verificato. Prima di continuare rispondiamo a una domanda semplice, ma importante; che cosa è un breakout (BO)?

Una Breakout può essere definita come l’attraversamento di un certo livello dal mercato. Il più importante il livello rotto è il potenziale più grande per fare profitto. Ci sono molti modi per valutare l’importanza di un certo livello, ma in questa presentazione ci concentreremo sugli sblocchi alti e bassi che si formano sul mercato.

I metodi illustrati sono universali e possono essere utilizzati su tutti i tipi di mercato (valute, materie prime, indici, azioni, bonds..etc) e su tutti gli intervalli di tempo. Anche se questo metodo è universale, si consiglia vivamente di utilizzare questo metodo sui mercati più liquidi.

Quando deve essere inserito un trade?

Un trade deve essere inserito dopo che un certo livello è rotto (attraversato) da parte del mercato. Il tradenon deve essere aperto quando è ancora in formazione la candela o barra di dato, ma quando è completato. Diamo un’occhiata a un esempio sul grafico EURUSD quotidiano:

Nell’esempio sopra un fondo è stato rotto con una candela nera (forma gialla). Il trade deve essere inserito dopo che la candela si è formato, quindi sulla candela a seguito del breakout.

Perché il breakout candela deve essere completato?

Il breakout della candela dovrebbe essere formato poichè un falso breakout potrebbe verificarsi. Un falso breakout si verifica quando la parte superiore o inferiore data è rotta con l’ombra di una candela piuttosto che con il suo corpo. In questo tipo di situazione la probabilità di successo del trade diminuisce significativamente. Ciò che deve essere ricordato è che il trading sui mercati finanziari si basa su probabilità quanto non vi è nulla di sicuro sul mercato. Questo è il motivo per cui gli investitori dovrebbero sempre trovarsi sul lato corretto della probabilità. Ad esempio abbiamo una falsa rottura sul grafico dopo di che il mercato non continua il suo movimento al rialzo, realizzando un’inversione.

Lo Stop Loss deve essere utilizzato?

Per la protezione del capitale, lo stop loss è uno degli elementi più importanti del processo di investimento. Molti investitori ritengono  l’uso di livelli di Stop Loss non necessario, in quanto possono controllare le proprie emozioni e chiudere manualmente le loro operazioni. Il problema è che i mercati in alcune situazioni si muovono troppo dinamicamente per poter intervenire al momento giusto. Oltre a questo fattore e le emozioni e piani cambiano quando un trade è già aperto ed i pensieri distruttivi come la paura, l’avidità e la speranza possono avere un’influenza sulla decisione degli investitori. Questi sono motivi più che validi per utilizzare un livello di Stop Loss, con un livello di perdita accettabile per l’investitore.

Se l’investitore decide di utilizzare uno Stop Loss, una domanda che può venire in mente, è: “Dove un tale livello di Stop Loss può essere assegnato quando il mercato è in breakout?”. Ci sono molte opzioni per il piazzamento di uno Stop Loss, ma in questa presentazione ci concentreremo su due metodi:

  • Piazzamento alla fine del movimento correttivo. Questo è il metodo più sicuro, ma in alcuni casi il livello di Stop Loss è situato lontano dal prezzo di apertura.
  • Piazzamento al di sopra del breakout. Questo è il metodo più aggressivo, infatti il livello di Stop Loss si trova più vicino al prezzo del trader di apertura.

Mercati e intervalli minori differiscono gli uni dagli altri, insieme ai bisogni emotivi degli investitori. Questo è il motivo per cui l’investitore deve scegliere quale metodo è più efficace con le relative necessità personali.

Dove il trade dovrebbe essere chiuso?

La maggior parte dei libri per gli investitori spiega il momento in cui un trade deve essere aperto, ma non dicono una parola su quando il trade dovrebbe essere chiuso. Se una raccomandazione è stata data a 100 persone, pochi giorni dopo 50 dovrebbero essere felici per aver chiuso un profitto più grande o più piccolo, mentre 50 sarebbero delusi a causa di chiusura di un trade su una perdita più grande o più piccola. La regola principale, è che gli investitori dovrebbero assegnare un livello minimo di profitto, in cui o si chiuderanno i trade o si sposta il loro livello di Stop Loss.

Una delle maggior parte delle regole di base non ha nulla a che vedere con l’analisi del mercato, ma si basa su una delle regole più importanti della gestione del denaro.

L’utile minimo accettato dovrebbe essere tre volte superiore al livello di Stop Loss assegnato. Perché? Utilizzando questa regola l’investitore non dovrebbe essere preoccupato per l’efficienza del trade, anche se si basano sulla probabilità. Diamo un’occhiata a un esempio:

Il signor Giovanni decide che il massimo che può perdere in una singola transazione è di 30 pips. Ciò significa che il livello accettato minimo di profitto è di 90 pips. Se il signor Giovanni non si apre 10 trades, dove 3 sono redditizie e 7 stanno perdendo quindi il risultato degli investimenti in corso si ottiene:

7 perdendo X 30 pips = 210 pips

3 fruttuosi X 90 = 270 Pip

Finale risultato degli investimenti: 60 pip di profitto

Come mostra il risultato finale, l’investitore realizza un profitto, anche se aveva solo 3 su 10 fruttuosi trades.

Conclusione

Gli investitori devono tenere presente che il commercio si basa su tre elementi principali:

    • strategia di investimento
    • gestione del denaro
    • psicologia

L’utilizzo della strategia di breakout non garantisce il successo se non utilizzato con le regole di gestione del denaro di base e un piano di trading che permetterà emozioni distruttive con un’influenza negativa sulle decisioni degli investitori. Gli scambi dovrebbero basarsi su un piano già assegnato e l’investitore dovrebbe seguire il passo del piano di passo e non essere influenzato dalle emozioni.